La FTC rafforza la lotta di Biden contro l’inflazione

Un paradosso nel cuore dell’economia statunitense è che i consumatori si sentono schiacciati anche se gli indicatori di crescita sembrano forti – e se la prendono con gli indici di approvazione del presidente Biden.

Quindi la Casa Bianca probabilmente ha accolto favorevolmente la mossa della FTC e di diversi stati lunedì per bloccare l’offerta da 25 miliardi di dollari di Kroger per l’acquisto di Albertsons, sostenendo che la più grande fusione di supermercati nella storia degli Stati Uniti avrebbe aumentato i prezzi e avrebbe colpito il potere contrattuale dei lavoratori del sindacato.

L’amministrazione Biden ha poca influenza sull’inflazione, ma la situazione continua a surriscaldarsi. I consumatori stanno spendendo la percentuale più alta del loro reddito in cibo negli ultimi 30 anni, e un’analisi interna della Casa Bianca ha rilevato che i prezzi dei generi alimentari hanno avuto il maggiore impatto sulla fiducia dei consumatori.

La Fed ha aumentato i tassi di interesse al livello più alto degli ultimi 20 anni nel tentativo di raffreddare l’inflazione, ma i progressi in questo senso sono rallentati negli ultimi mesi.

Biden dà la colpa alle grandi imprese. In un video pubblicato la domenica del Super Bowl, ha inseguito la “shrinkflation”, scagliandosi contro le aziende che riducono le dimensioni degli imballaggi e le porzioni di cibo senza tagliare i prezzi. Si prevede che Biden ribadirà questo punto di vista nel suo discorso sullo stato dell’Unione il mese prossimo.

Il presidente potrebbe sottolineare l’approccio duro della FTC nei confronti delle fusioni e acquisizioni. L’agenzia opera in modo indipendente, ma Lina Khan, presidente della FTC, ha adottato la posizione antitrust più aggressiva ed espansiva degli ultimi decenni. Ciò potrebbe aiutare il messaggio di Biden agli elettori che sta combattendo per i loro interessi.

“Quando le grandi aziende non sono controllate da una sana concorrenza, troppo spesso non trasferiscono i risparmi sui costi ai consumatori e sfruttano i loro lavoratori”, ha detto lunedì un funzionario del Consiglio economico nazionale.

Alcune aziende non si aiutano. Kellogg’s, ad esempio, sta commercializzando i cereali come un’opzione pasto conveniente per le famiglie a corto di soldi. «I cereali per la cena sono qualcosa che probabilmente è più di tendenza ora, e ci aspettiamo che continuino poiché quel consumatore è sotto pressione», ha detto alla CNBC la settimana scorsa il CEO di Kellogg Gary Pilnick.

Forse prevedibilmente, i suoi commenti hanno attirato l’attenzione contraccolpo sui social media.

Giovedì arriverà un altro grande test con una nuova serie di dati sull’inflazione da pubblicare. Gli economisti si aspettano un nuovo aumento dell’inflazione.

Macy’s chiuderà quasi un terzo dei suoi negozi targati. La chiusura di 150 negozi a marchio Macy’s, insieme all’espansione dei marchi Bloomingdale’s e Bluemercury, è un tentativo di Tony Spring, il nuovo CEO del rivenditore, di dare una svolta all’azienda. Macy’s ha dovuto affrontare un declino durato anni e un’offerta pubblica di acquisto indesiderata.

I produttori di chip chiedono più di 70 miliardi di dollari in sussidi federali. Secondo il segretario al Commercio Gina Raimondo, le aziende di semiconduttori hanno chiesto circa il doppio del denaro stanziato per sostenere la produzione nazionale di chip. Ha aggiunto che gli Stati Uniti sono destinati a produrre circa il 20% dei tipi più avanzati di chip logici entro la fine del decennio.

Exxon Mobil minaccia di far deragliare l’acquisizione da 53 miliardi di dollari di Hess da parte della Chevron. Exxon e la cinese CNOOC hanno affermato di avere un diritto di prelazione per la partecipazione in un progetto petrolifero della Guyana detenuto da Hess, ha rivelato Chevron in un documento normativo. Chevron non era d’accordo; le due parti sono in trattative. Gran parte di ciò che Chevron trova attraente in Hess risiede nel progetto Guyana, una delle fonti petrolifere più promettenti del mondo.

È stato un colpo di stato per Citigroup prendere Vis Raghavan di JPMorgan Chase per guidare la sua divisione bancaria. L’assunzione ricopre l’ultima posizione di leadership eccezionale creata da una radicale revisione del gigante di Wall Street.

Ciò significa che Jane Fraser, amministratore delegato di Citi, ora ha la sua squadra al suo posto e ci si aspetta che dimostri di essere in grado di dare una svolta all’azienda.

Fraser è già stato sotto pressione per produrre risultati. La sua ristrutturazione aveva lo scopo di darle un maggiore controllo diretto sulle principali attività della banca (e ha portato ad almeno 20.000 tagli di posti di lavoro in tutta l’azienda). Il consiglio di amministrazione di Citi ha recentemente aumentato la sua paga annuale a 26 milioni di dollari, citando il suo annuncio quello che ha definito “l’insieme di modifiche più importanti al suo modello organizzativo e gestionale dalla crisi finanziaria del 2008”.

Gli analisti dubitano che questa volta sarà diverso. “Conto 12 ristrutturazioni in Citigroup. E conto 12 ristrutturazioni che sono fallite in Citigroup», ha detto il mese scorso Mike Mayo, analista bancario veterano, in una conferenza sugli utili. «Perché questa volta è diverso?»

Raghavan è un’assunzione cruciale. Supervisionerà una delle attività più importanti di Citi. Avrà anche il titolo di vicepresidente esecutivo, il che significa che «aiuterà a modellare e guidare la nostra strategia a livello aziendale e mi assisterà con iniziative strategiche chiave», ha scritto Fraser in una nota interna lunedì.

È un passo avanti per Raghavan. Il veterano di lunga data di JPMorgan è diventato l’unico capo della divisione di investment banking proprio il mese scorso. Era anche il capo dell’Europa, del Medio Oriente e dell’Africa.

Ma è rimasto a molti livelli di distanza da Jamie Dimon, amministratore delegato della banca presso Citi, che riferirà direttamente a Fraser.

Riuscirà ad aiutare Citi a rientrare nell’élite dell’investment banking di Wall Street? L’azienda è rimasta a lungo indietro rispetto a JPMorgan, Morgan Stanley e Goldman Sachs in aree chiave: non si è classificata tra le prime tre per M.&A. o mercati dei capitali azionari, in base al volume delle transazioni, negli ultimi 10 anni, secondo Dealogic.

Ha avuto risultati migliori nei mercati dei capitali di debito, classificandosi al secondo o terzo posto in quel periodo.

Fraser sa che è sotto esame. «Riconosco che il ’24 è un anno critico», ha detto durante una chiamata sugli utili il mese scorso. Ma mentre il prezzo delle azioni di Citi è aumentato del 32% da quando ha rivelato il suo piano di riorganizzazione, è sceso del 19% da quando ha assunto la carica di CEO nel marzo 2021.


L’ultimo accordo di Microsoft con una vivace start-up di intelligenza artificiale sta già sollevando preoccupazioni tra i regolatori. Il produttore di Windows ha lanciato la sua partnership con la francese Mistral come un tentativo di espandere oltre la sua relazione con OpenAI e aiutare l’innovazione dell’intelligenza artificiale, ma gli scettici dicono che è l’ultimo esempio di Big Tech che cerca di soffocare la concorrenza.

Ora, i regolatori europei affermano che potrebbero indagare sulla relazione.

Mistral è una delle grandi speranze dell’Europa nel campo dell’intelligenza artificiale. La società è stata fondata lo scorso anno da un trio di ex ricercatori di Google e Meta e da un ex ministro del digitale francese, e ha raccolto centinaia di milioni di euro per una valutazione di 2 miliardi di dollari.

Si è presentata come rivale di OpenAI e tra i suoi sostenitori figurano Andreessen Horowitz, General Catalyst, Lightspeed Venture Partners ed Eric Schmidt, ex CEO di Google

Microsoft e Mistral hanno firmato una “partnership pluriennale”, ma hanno rilasciato pochi dettagli. Secondo quanto riferito, il colosso della tecnologia investirà circa 15 milioni di euro (16,2 milioni di dollari) e fornirà la potenza di fuoco del cloud computing necessaria per ampliare gli algoritmi della start-up.

I servizi di Mistral saranno offerti anche sulla piattaforma cloud Azure.

Le autorità di regolamentazione su entrambe le sponde dell’Atlantico sono già in massima allerta. Le autorità statunitensi, britanniche ed europee stanno esaminando il rapporto di Microsoft con OpenAI, in cui Microsoft ha già investito 13 miliardi di dollari e ha un posto nel consiglio senza diritto di voto.

Un rappresentante della Commissione Europea ha detto che le autorità di regolamentazione analizzeranno l’accordo una volta che avranno una copia dell’accordo. Ciò potrebbe portare a un’indagine formale, secondo Reuters.

Microsoft ha minimizzato le preoccupazioni normative sul suo investimento in Mistral. La società probabilmente spera che la collaborazione con un’altra start-up soddisfi le autorità di regolamentazione che esaminano i suoi legami con OpenAI.

Eppure Max von Thun, direttore dell’Open Market Institute, un think tank sulla politica della concorrenza, ha affermato che ciò potrebbe ritorcersi contro se a Mistral fosse ora impedito di competere con OpenAI e i concorrenti di Microsoft. «Se vuoi un ecosistema AI davvero competitivo, non vuoi che uno sfidante di OpenAI dipenda dall’infrastruttura e dagli investimenti di Microsoft», ha detto a DealBook.


La donazione di 1 miliardo di dollari di Ruth Gottesman all’Albert Einstein College of Medicine nel Bronx, che renderà le tasse scolastiche gratuite, è degna di nota non solo per la sua cifra strabiliante. Fa anche parte dell’eredità del suo defunto marito, il finanziere Sandy Gottesman, amico intimo di Warren Buffett.

Gottesman ha guadagnato i suoi miliardi investendo presto nella Berkshire Hathaway. (Ha anche fondato e gestito First Manhattan, una società di gestione patrimoniale che ora supervisiona circa 20 miliardi di dollari.) Quando morì nel 2022, Forbes stimò il suo patrimonio netto a 3 miliardi di dollari.

«Probabilmente non c’è mai stato un rendimento migliore su qualsiasi azione detenuta per 44 anni nella storia di Wall Street», scrisse Gottesman del Berkshire un decennio prima della sua morte.

Lui e Buffett sono stati vicini per quasi 60 anni. Dal necrologio di Gottesman del Times:

Dal 1963 al 1965 il signor Gottesman volò spesso a Omaha, la base del signor Buffett, incontrandolo nel pomeriggio, raggiungendolo per cena e poi parlando con lui fino alle 2 o 3 del mattino. In un’occasione parlarono così tardi che si ritrovarono chiusi nell’edificio degli uffici del signor Buffett. Il signor Gottesman di solito prendeva il volo di ritorno a New York la mattina presto.

Secondo quanto riferito, Gottesman ha ispirato l’investimento di Berkshire in Apple. Quando Gottesman perse il suo iPhone in un taxi nel 2016, la notizia dell’incidente arrivò a Buffett, secondo il libro «After Steve: How Apple Became a Trillion-Dollar Company and Lost its Soul» di Tripp Mickle, un reporter tecnologico del Times .

Buffett vide nella reazione sconvolta del suo amico un segno che l’iPhone, e il suo produttore, erano diventati indispensabili. Ben presto ha consolidato la partecipazione di Berkshire in Apple, azioni che ora valgono 174 miliardi di dollari.

Gottesman lasciò un inaspettato pacchetto di azioni del Berkshire a sua moglie quando morì. ha detto al Times. Le sue istruzioni erano semplici: “Fai quello che ritieni giusto”.

Il dottor Gottesman, ex professore dell’Einstein che ne presiede il consiglio di amministrazione, ha deciso di aiutare la scuola. Alla domanda su cosa penserebbe suo marito del regalo, ha detto: «Mi ha dato l’opportunità di farlo, e penso che sarebbe felice – lo spero».

Offerte

  • Secondo quanto riferito, Shein sta valutando la possibilità di quotarsi in borsa a Londra o in Asia anziché a New York, poiché il rivenditore fondato in Cina deve affrontare un duro controllo negli Stati Uniti (Bloomberg)

  • Si dice che Charter Communications stia valutando un’offerta pubblica di acquisto per un operatore via cavo rivale, Altice USA. (Bloomberg)

Politica

Meglio del resto

  • Come l’accordo per rendere pubblica la piattaforma di social media di Donald Trump potrebbe dargli un’ancora di salvezza finanziaria per i suoi problemi legali. (NYT)

  • Jacob Rothschild, che si staccò dall’impero bancario della sua famosa famiglia per creare la propria società finanziaria, è morto; aveva 87 anni. (NYT)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.